La nostra storia

In una apparente semplice serata fra appassionati vespisti ma soprattutto amici, 11 ragazzi con tanta voglia di creare, decidono di dare vita ad una entusiasmante avventura chiamata Vespa Club Fabriano. Era il 18 Novembre 2011 quando questa decisione diveniva talmente forte dentro ognuno di questi ragazzi che il progetto di avere finalmente un vero Club nella nostra Storica Cittadina veniva direttamente concretizzato con l’affiliazione al Vespa Club D’Italia il 19 Gennaio 2012.

Il Vespa Club Fabriano è stato intitolato a Cristian Alterio, un Amico Vespista con cui dovevamo portare avanti questo progetto tutti insieme ma lui non ci è riuscito perché ci ha lasciato prematuramente a fine anno.

Poche righe per raccontare cosa Cristian rappresentasse per il Vespa Club e per gli amici che dire? Cristian era un vulcano di interessi, un ragazzo che trasmetteva la sua passione per le cose che amava…che credeva cosi tanto in quello che faceva da farci credere anche gli altri. Un ragazzo che sapeva ascoltare e che parlava sempre al momento giusto…a volte con la capacità di azzittire seppur con la delicatezza che lo contraddistingueva.  Si è  appassionato alle Vespa ed ha saputo contagiare tutti i suoi amici, era un trascinatore discreto che riusciva a trasmettere le cose che amava senza essere ma invadente…..ora quello che resta è il ricordo dell’amico che è stato e l’eredità delle passioni che ci ha lasciato da coltivare.

Lo spirito che aleggia all’interno del Vespa Club Fabriano è quello di percorrere lunghe distanze assaporando profumi inebrianti e deliziando la nostra vista con stupendi panorami che solo la nostra stupenda Italia può regalarci.

Velocità media? Bò non si sa ma sicuramente molto bassa…….!!!! Il Vespa Club Fabriano si augura di diventare un vero riferimento per tutti gli appassionati di questa stupenda creatura con culetto rigonfio musetto grazioso e puzzetta sempre pronta………..respirare per credere!!! Arrivederci a presto ai prossimi raduni e un grosso augurio di divertire e divertirci come solo noi sappiamo…

22-23 Luglio 2017 Raduno Internazionale V.W.C. a Fabriano AN

“VESPA in FILIGRANA”

Testimonianze di Fede, Genio, Sapori ed Eccellenze

.

Vespisti tra Bellezze, Musei, Tour e Prodotti Locali

 

Vespa che passione, è proprio il caso di dirlo. La mitica Vespa della Piaggio continua a raccogliere fans come ha testimoniato il bel raduno organizzato a Fabriano Sabato 22 e  Domenica 23 Luglio dal  Vespa Club Fabriano.

E’ stata una vera e propria invasione dello scooter Piaggio più volte utilizzato come simbolo del designer italiano e brevettato il 23 aprile del 1946 su progetto dell’ingegnere aeronautico Corradino D’Ascanio.  La Vespa è nata infatti con la Repubblica e compie quest’anno 71 anni di vita.

I partecipanti sono stati circa 400 nelle due giornate con Vespe presenti al raduno un po’ di tutte le età ed alcune anche molto particolari in quanto visibilmente modificate nell’aspetto e nelle dotazioni.
Sono stati numerosi i club che hanno risposto  all’appello della città di Fabriano provenienti da molte regioni italiane e dall’estero.

La giornata di sabato si è aperta con un sole splendente, quello che noi tutti aspettavamo per questa due giorni speciale, ritrovo in Piazza del Comune dove a salutare gli intervenuti sono stati gli organizzatori ed i fabrianesi appassionati di questo bellissimo e affascinante mezzo chiamato VESPA. Svolte le rituali operazioni di iscrizione gli Ospiti, si perché tutti i vespisti che ci hanno onorato venendo nella nostra piccola città sono per noi “Ospiti” e gli diciamo grazie con tutto il cuore.  Gli Ospiti assistiti da una guida turistica sono stati accompagnati in una visita della città e delle nostre bellezze per poi continuare la mattinata al Museo del Pianoforte Storico e del Suono dove hanno ammirato 18 pianoforti storici che coprono lo spazio temporale da fine ‘700 ai primi del ‘900 che costituiscono la Collezione Claudio Veneri. La visita-concerto guidata, che il museo propone è un vero e proprio viaggio nella storia dell’evoluzione del pianoforte e, parallelamente, della storia della musica dei grandissimi Compositori che su questi strumenti hanno scritto molte delle più importanti pagine di Musica. Un incontro ravvicinato con Bach, Mozart, Beethoven, Chopin, Debussy e Ravel e con gli strumenti originali su cui hanno composto ed eseguito i loro brani più famosi, ascoltati nella sonorità originale grazie alle esecuzioni di una pianista concertista che ha guidato la visita facendo vivere agli ospiti emozioni e suggestioni assolutamente “inaudite”. 

Altri Ospiti Vespisti accompagnati dalle nostre staffette hanno fatto un tour di circa 50 km godendosi le bellissime e uniche vallate del Parco Gola della Rossa passando nelle uniche e inimitabili Gole di Frasassi spettacolo della natura, non è mancato un graditissimo rinfresco offerto dai commercianti e soci di Sassoferrato con prodotti locali e del buon verdicchio.  Ritrovati tutti in Piazza del Comune la mattinata è terminata con un graditissimo aperitivo offerto dall’organizzazione a tutti i partecipanti per poi continuare tutti in un pranzo a base di prodotti e tipicità locali.

La giornata non termina qui perchè nel pomeriggio sono arrivati altri Ospiti vespisti nella nostra città, svolte anche loro le rituali operazioni di iscrizione gli ospiti assistiti da una una guida turistica sono stati accompagnati in una visita guidata della città per poi continuare con una chicca della nostra città il Museo della Carta e della Filigrana si perché  Fabriano vede da sempre legato indissolubilmente il suo nome e quello della carta, ed in effetti i mastri cartai fabrianesi, si distinguono da sempre nel mondo.

Nel tardo pomeriggio quando il sole incomincia a scendere alla presenza del Sindaco Gabriele Santarelli, l’Assessore al Turismo Ilaria Venanzoni,  Mons. Stefano Russo Vescovo di Fabriano,  Presidente V.C. d’Italia Roberto Leardi, Segretario Vespa World Marco Manzoli,  Consigliere V.C. d’Italia Franco Benignetti, Presidente Ass. Sanguis Francisci Dott. Franco di Braccio, Presidente Avis Comunale Luciano Bano e del Presidente Vespa Club Fabriano Giorgio D’Ancona che ha fatto gli onori di casa si è effettuato il classico taglio del nastro e creazione delle prime filigrane dedicate all’evento eseguite dal Mastro Cartaio Sandro Tiberi  e dai suoi assistenti donate a tutti i partecipanti il tutto bagnato con del buon Verdicchio metodo charmat.

La domenica mattina per noi organizzatori inizia molto presto, i primi vespisti iniziano ad arrivare molto presto alla spicciolata, la piazza si incomincia a colorare, foto di rito con lo sfondo della Fontana Sturinalto e del Palazzo del Podestà unica nel suo genere, un ricordo da portare a casa si perché le foto saranno sul nostro sito gratuitamente per tutti i partecipanti. Facce sorridenti, amici che si ritrovano ecco lo spirito che contraddistingue occasioni come questa: una passione comune, ma anche la voglia di osservare paesaggi, rigorosamente in sella alle proprie vespa, assaporare e gustare prodotto locali e perché no riportarsi a casa un piccolo ricordo della città che ti ha ospitato, si perché in questo raduno internazionale tutti i partecipanti sono stati omaggiati con una unica Filigrana e non poteva mancare del buon verdicchio di Matelica che compie quest’anno il 50° anniversario della DOCG dove è stato effettuato dopo un tour delle nostre vallate il rinfresco a base di salumi locali innaffiati da molto si molto verdicchio fresco……………..

Per la cronaca ha vinto il Club Santhia, seguito da quello di Popoli e da quello di Canale Monterano, mentre il riconoscimento al club arrivato da più lontano è andato al Vespa Club Malonno ed il riconoscimento al club più numeroso e andato al Vespa Club Gubbio con ben 28 partecipanti.

Una organizzazione senza dubbio articolata che da diversi mesi ha visto impegnato tutto il Vespa Club di Fabriano con i gruppi di lavoro, la nuova amministrazione comunale, le forze dell’ordine, Protezione Civile Comunale, Croce Azzurra, Gruppo Motociclistico Jolly Bikers e tutti i volontari.

Questo gruppo è nato da soli cinque anni ma ha le idee molto chiare su come scegliere ed organizzare manifestazioni ed incontri per la Città, tutti i fabrianesi dicono grazie e sono orgogliosi di questa realtà, una vera squadra alle prese con tutti i dettagli tecnici e non solo, una bella soddisfazione per chi ha scelto di unire tutti gli appassionati della mitica vespa con cultura, beneficenza e amore della propria terra, vedere così tanti vespisti , vertici del Vespa Club World e Vespa Club d’Italia nella città di Fabriano è stata sicuramente una bella soddisfazione, ma le iniziative del club non si fermano qui aspettatevi altre sorprese nel tempo da questi ……….Appassionati di Vespisti che Amano la loro Città ….. Fabriano.

Giro d’Italia in Vespa 2016

3 Settembre 4 Ottobre 7.300 km di Solidarietà

“l’Autismo sale in Vespa sulle Orme di San Francesco”

Giovedì 22 Settembre Tappa a Fabriano

.

I partecipanti: Augusto Gaudino “Vespa Club Santià” – Domenico Gelmi “Vespa Club Malonno” – Agostino Mastrorocco “Vespa Club Acquaviva delle Fonti” – Francesco Muroni “Vespa Club Roma” e le due Vespiste che percorreranno solo i tratti della Puglia e della Basilicata Daniela Ariano”Vespa Club Oria – Annarita la Notte “Vespa Club Barletta” e il Presidente dell’Associazione Sanguis Francisci Dott.Franco di Braccio

.

Questo impegno ha per scopo la raccolta di fondi per l’ANGSA e l’Associazione Sanguis Francisci, entrambe senza fini di lucro, al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica sul problema dell’Autismo che attualmente interessa circa 500.00 famiglie italiane e per consentire la messa in sicurezza dell’impianto elettrico della Chiesa di San Francesco d’Assisi in Castelvecchio Subequo (AQ) ove è custodita la reliquia con il sangue delle stimmate del Santo. A tale scopo, nei luoghi di passaggio, verranno organizzati incontri ed eventi illustrativi ai quali presenzieranno i protagonisti del giro d’Italia in vespa che saranno a disposizione per rispondere a qualsiasi quesito.

“Lo staff del Giro d’Italia in Vespa”                                                             

Giro d'Italia in Vespa per l'Autismo - Sosta a Fabriano

Giro d’Italia in Vespa 2013  “Facciamo Rumore per l’Autismo”  

28 e 29 Settembre sosta a Fabriano

.

 I quattro partecipanti: Augusto Gaudino di Biella, Carlo Morandi di Vercelli, Domenico Gelmi di Malonno, Giuseppe Bezzon di Novara.

.

Ci voleva proprio la sosta a Fabriano. Un po’ per riposo e un po’ per riordinare le idee. Il presidente del club ed i suoi amici hanno fatto di tutto per renderci la giornata piacevole e rilassante. Ci sono riusciti… con qualche sorpresa.

Una visita guidata alla città con i suoi monumenti e le sue caratteristiche. Chi sapeva che, oltre a museo della carta Fabriano ospita parte della Scala Santa e due tombe di Santi?
Senza contare poi affreschi e decorazioni sublimi in case, palazzi e chiese. Uno più bello dell’altro. Uno più interessante dell’altro. Ogni costruzione nasconde qualcosa. Un chiostro, una pittura. Una statua. Una fontana storica.

Ma il pezzo più bello e che ci ha fatto emozionare è stato il teatro. Uno dei più antichi delle Marche. Emozionante perché qui, sul palcoscenico è andato in onda il nostro spettacolo con la regia di Giorgio. Un vulcano di idee, anche più del sottoscritto che sta… invecchiando!

Chi l’avrebbe mai immaginato. Un teatro tutto per noi. Un servizio fotografico tutto per noi. Una giornata tutta per noi. Giornata non solo culturale ma anche ricca di assaggi delle tradizioni marchigiane, qui ancora rimaste intatte.
Dovevamo trattenerci ma siamo stati tentati. E non ci siamo fatti pregare.

Il pomeriggio è stato dedicato alla conferenza stampa in una sala bellissima e con la partecipazione di Angsa Marche e del primario di ortopedia del locale ospedale. Una persona molto piacevole e umile. Chiara e realista.

A cena poi, con molti iscritti al club, la sorpresa finale. La nomina a SOCI ONORARI del club. Meglio di così cosa potevamo sperare? Domani, tempo permettendo, saremo a Ravenna per le 14,30 e poi a Faenza per le 18. Qui piove molto.

Giorgio non è riuscito a prenotarci il sole, ma tutto il resto è andato oltre le aspettative. Grazie a lui, a Massimo e a tutto il club.

Augusto Gaudino    30.09.2013